Pagina 50 storia Famiglia Ballarin di Murano - TRE ARCHI-PRODUZIONE VETRO DI MURANO EMASCHERE VENEZIANE

Vai ai contenuti

Menu principale:




Nell' anno 1452 proveniente dalla Dalmazia gettava le ancore di fronte Murano un
veliero carico di legna per le sue vetrerie si trovava a bordo imbarcato come marinaio un giovanotto: il suo nome era Zorzi (Giorgio). Questi,saputo che si cercava un garzone per
la vetreria Angelo Barovier, si presentò e venne assunto.
Così ebbe inizio la vita di un uomo che diede una grande famiglia all' isola di Murano,e uomini illustri alla Repubblica Veneta.
Col passare degli anni, venuto a conoscenza delle formule per la lavorazione del vetro artistico dell' Angelo Barovier di cui questi era molto geloso ,aprì per suo conto una fornace che in poco tempo lo fecero conoscitore dell'arte vetraria, imitando e superando lo stesso Barovier.
Così il Zorzi divenne uomo molto stimato e apprezzato per la sua bravura e bontà,essendo molto religioso,con denari guadagnati con la fornace 20.000 Ducati d’oro nel 1° anno , fece erigere una cappella nella chiesa di S. Pietro Martire di Murano a uso della famiglia Ballarin e per i suoi discendenti.

Nel palazzo in contrà di rio (Fond..ta dei vetrai) vicino alla stessa fornace.naque e visse
il grande e "immortale" Giovanni Battista Ballarin Gran Cancelliere Repubblica Veneta,Ambasciatore e segretario Consiglio dei Dieci.

Il Zorzi a seguito di un incidente sul lavoro,gli fu fatto cadere un bolo di vetro incandescente sul piede destro,incominciò a "ballare"e da quel momento,costretto a zoppicare,colui che fino ad allora era conosciuto come Zorzi sclavonus dictis il Dalmata divenne Zorzi
il Ballarino (poi il Maggior Consiglio della repubblica Veneta tramutò in Ballarin)

PIETRO
Proveniente da Spalato Dalmazia col figlio Zorzi sclavonus dicti il Dalmata che nel 1452 diede Inizio alla dinastia dei Ballarin di Murano
ZORZI (Giorgio) /1440? 11/09/1506 Inventò il colore rosso rubino oro e la formula del cristallo Gastaldo dell'arte. Dal 1483 padrone di Fornace (all'insegna di San Marco)
FRANCESCO /1480 1555 Padrone di fornace Fabbricante vetrerie fornitore della corte di Francia. Galea in cristallo e oro con sartiame e vele. A quel tempo diede nome a Murano per essere stato il primo a fabricare vasi di cristallo (dalla descrizione d'Italia di F. Leandro Alberti pag. 468 1550) nel 1502 fù scrivano dell'arte e così nel 1514 e nel 1517 fù Giustiziere nel 1526 fù compagno del Gastaldo, Gastaldo dell'arte
ALVISE /1537 1593 Fabbricante vetri
FRANCESCO 27/06/1583 1650 Fabbricante vetri
ALVISE /1612 1655 Padrone di fornace Al San Giovanni Battista (al San Zuanne Batista)
GIOVANNI (Zuanne) 13/09/1649 1708 Fabbricante vetri
ALVISE 01/02/1682 1752 Fabbricante vetri figurò nelle Oselle con proprio nome 1735 1736 Deputato poi Cancelliere Comunità di Murano
GIOVANNI (Zuanne) 13/09/1713 1784 Fabbricante conterie 1745 Cancelliere Comunità di Murano
AGOSTINO PIETRO 06/03/1765 1832 Fabbricante vetri Cancelliere Comunità di Murano
FRANCESCO 13/02/1794 18?? Maestro vetraio Tecnico compositore del vetro
DOMENICO 18/12/1818 18?? Maestro di canna per conterie e smalto per conterie
LUIGI DOMENICO 28/03/1853 1937 Tecnico Compositore del vetro maestro conterie
ENRICO FRANCESCO 26/11/1886 18/05/1969 Maestro e Marstro di canna per conterie
GIOVANNI BATTISTA 23/12/1916 17/12/2007 Artigiano Maestro vetrerie Artistiche commerciante vetrerie di Murano
ALESSANDRO GIUSEPPE 19/03/1960 Artigiano maestro vetraio artistico vetro di Murano

Discendenza diretta da Padre in Figlio

Alrti Ballarin

TRE ARCHI® Copyright 2000 2021
Torna ai contenuti | Torna al menu